1 2 3 4
02/01/2018 Il blog di Idee
La comunione dei beni blocca l’autonomia femminile?

Le leggi in materia di divorzio influiscono sul benessere e sulle condizioni economiche degli ex-coniugi. La scelta tra comunione e separazione dei beni (regime patrimoniale), determina come le risorse accumulate durante il matrimonio saranno divise tra i coniugi in caso di fine della relazione. 

Secondo svariate ricerche, un accesso più semplice al divorzio porta a matrimoni “migliori”, aumenta i risparmi della coppia, ma soprattutto diminuisce la violenza domestica e stimola l’occupazione delle donne sposate (Rasul 2006; Bargain et al. 2012; Angelini et al. 2016; Brassiolo 2016). 

In Italia, a fronte di una mancata scelta del regime patrimoniale all’atto del matrimonio, il legislatore prevede l’applicazione della comunione dei beni. Tuttavia, oltre il 70% delle coppie nel 2016 (dati Istat) opta ormai per la separazione dei beni: se da un lato la comunione dei beni può essere considerata un modo per riconoscere la partecipazione della moglie (che nella maggior parte dei casi è il partner finanziariamente più debole) alla formazione del benessere materiale della famiglia, anche attraverso il lavoro domestico e il lavoro di cura (Deere e Doss 2006), dall’altro si stima la riduzione del proprio impegno professionale nel mercato del lavoro (circa un’ora e mezza alla settimana). Conseguentemente, aumenta la percentuale di donne che sono le principali responsabili della gestione e della cura dei figli al di sotto dei 12 anni di età, con una riduzione dei casi di gestione condivisa con il partner. 

Il regime di comunione dei beni rafforza la divisione dei ruoli di genere in senso tradizionale e disincentiva il lavoro femminile. Il rischio è che, in caso di divorzio, le donne restino bloccate in una situazione di bassa partecipazione al mercato del lavoro.

leggi la notizia per esteso e dicci cosa ne pensihttp://27esimaora.corriere.it/17_dicembre_28/comunione-beni-blocca-l-autonomia-femminile-acbb83f2-eb60-11e7-aee4-bc31285a7c38.shtml.

Cerca
Area riservata
Accedi all'area riservata
 
SCARICA LA MINI-CAMPAGNA REALIZZATA DA IDEE
Video Promo Idee
 
ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MIGRANTI E BANCHE

Sostieni il progetto "Taglia e Cuci IN TUTTE LE LINGUE DEL MONDO"
con l'invio di stoffe a iDEE per il laboratorio di sartoria!
migrantiebarche
Per l’invio delle stoffe: ASSOCIAZIONE iDEE:
Via Lucrezia Romana 41/47, 00178 Roma alla c.a. di Chiara Pieretti.

Clicca qui per saperne di più sull'Associazione

 
Ecuador: riflessioni sul Buen Vivir con Bepi Tonello
Concorso Cooperarte