1 2 3 4
01/08/2007 Newsletter - Num 2
Voglia di comunicare… nonostante l’appetito. Un’esperienza di Idee all’ora di colazione

Trovarsi dalle 13,30 alle 14,30 … ma forse, per meglio dire e per prudenza di timbratura, alle 14,20 è stata una scoperta. Un altro orario non sarebbe stato possibile: dopo il lavoro i figli, la casa e le grandi passioni che occupano micro spazi…
Una volta alla settimana. Con tenacia. Per dirci che comunicare è possibile ed è questione di strumenti, quelli che alla fine tutte noi chiamavamo in codice “la cassetta degli strumenti”. E le colleghe sconosciute arrivano senza fare rumore nell’aula 2 del corpo A. Troppo poche le ore per tutta quella voglia di esplorare.

Eravamo tutte li ad aspettare che il mistero (che lo sia veramente?) di comunicare ci prendesse e ci si svelasse, almeno un po’. Abbiamo parlato del come si fa… Quante volte e quante di noi si sono auto escluse da meccanismi di relazione aziendale perché… non portate. Essere portate, essere dotate di quella capacità, un po’ magica, del saper trasmettere un pensiero, il proprio.
Abbiamo tentato, Anna Maria, Donatella, e tutte le altre, abbiamo provato a capire che la magia era “saper” fare. Sapere, avere poche, significative indicazioni che permettessero di trasferire idee, pensieri, perplessità, coraggio, voglia di esserci, di farci ascoltare, voglia di cambiare grazie ad un pensiero che non fosse solo il nostro.
E, ancora di più, p a r t e c i p a r e.
Suona bene partecipare!
Io mi occupo di formazione ed è stato semplice, utile, mettermi dalla parte di chi ha voglia di sapere: una serie di dvd che “raccontano” come si comunica con molte persone, con una persona, per iscritto, con la voce e con i gesti… e raccogliere e trasmettere desideri e difficoltà. Eravamo tutte li a cercare di capire mentre sapevamo che le vacanze estive ci avrebbero interrotto.
Ci siamo salutate con “l’intelligenza emotiva”, la prima delle esperienze, dei racconti e delle conoscenze che ci scambieremo nel prossimo autunno. Si, torneremo a frequentarci a settembre con le nostre cassette degli attrezzi un po’ vuote e un po’ piene. Ma vogliamo esserci. Vogliamo poter cambiare e non solo noi stesse perché le aziende come le nostre case dovrebbero risuonare di tutte le voci delle persone che le popolano e produrre valore attraverso il pensiero di tutti , di tutte.

Rossella Di Chiara (SEF)
Cerca
Area riservata
Accedi all'area riservata
 
Iscriviti / Cancellati
 Iscriviti / cancellati alla nostra newsletter
 
Ultimo invio
Per visualizzare tutti gli articoli dell'ultimo invio premi qui
 
Archivio Newsletter
» Numero 9 23/07/2013

» Numero 8 23/07/2013

» Numero 7 05/12/2011

» Numero 6 06/08/2010

» Numero 5 01/09/2009

» Numero 4 08/03/2009

» Numero 3 06/05/2008

» Numero 2 01/08/2007

» Numero 1 18/12/2006

» Numero 0 07/07/2006